Pallet: dove trovarli e come lavorarli

Sei un appassionato di riciclo creativo? Scopri come cercare la materia prima per realizzare i tuoi progetti

pancalaio matto come trovare pallet

Ciao spancalatore!!!
Se anche tu, come me, sei sempre alla ricerca un nuovo progetto da realizzare, ti sarai imbattuto in qualche idea con l’utilizzo dei pallet. Prima di poter lavorare un pallet, però, bisogna recuperarlo e questa fase purtroppo è una vera e propria caccia al tesoro!
Quindi armati dello spirito dello spancalatore e via… Op Op Op andiamo a spancalare!!!
Prima di iniziare… forse ti starai chiedendo cosa fa uno spancalatore! Facciamo un po’ di chiarezza:

Spancalatore
/span·cà·la·tó·re/

Chi per hobby o per passione sfrutta il riciclo creativo di pallet e/o materiale di recupero e ne trae fuori la propria ideina matta!

E adesso che tutto è più chiaro, partiamo subito con una brutta notizia, ma meglio essere schietti: all’inizio non sarà semplicissimo trovare un pallet, soprattutto se non hai la minima idea di dove poterlo recuperare… ma tranquillo c’hai qua il Pancalaio pronto a darti qualche dritta!

Cominciamo dalle nozioni base che ogni spancalatore deve ASSOLUTAMENTE sapere e tenere sempre a mente… Recuperare un pallet è fondamentale per avere la nostra materia prima a costo zero e dar vita al nostro progetto e a tutto ciò che la nostra passione e creatività ci fa sognare ed immaginare da sempre!

DOVE TROVARE UN PALLET

pallet come trovare un pallet
Pallet industriale

Come primissima cosa spancalatore devi sapere che i pallet sono un rifiuto principalmente industriale quindi, il luogo più facile dove poterlo reperire sarà appunto andare in una zona industriale. Anche i supermercati potrebbero averne ed essere felici di liberarsene! Senti amici, parenti, conoscenti, aziende in città insomma… praticamente chiunque!

Se nell’azienda dove lavorano o in quelle sparse in città hanno a disposizione dei pallet che di tanto in tanto smaltiscono, devi far attenzione a qualche particolare.

COSA GUARDARE IN UN PALLET

Innanzitutto, in base al progetto che hai in mente di realizzare, devi valutare lo stato del pallet e vedere se ci sono parti che non possono essere recuperate.

pallet epal
Pallet Epal

Se i pallet sono EPAL (o comunque pallet certificati), visto il grosso mercato che c’è, potrebbero chiederti di acquistarli, a meno che non sia in condizioni a dir poco pessime (e in quel caso, potrebbero anche regalarvelo!). Io ad esempio non sono MAI riuscito a recuperare un EPAL, a meno che non lo pagassi… ma a mio modestissimo parere se lo dovessi comprare per un prezzo troppo alto il gioco non varrebbe la candela, come si usa dire! Un prezzo secondo me “equo” è sui 5€, non di più! Ovviamente usato e tenuto abbastanza bene, sul nuovo ovviamente i prezzi saranno maggiori!

Oltre a questo tipo di pallet, nel migliore dei casi potrebbero avere a disposizione dei pallet chiamati “fuori misura” o comunque sprovvisti di certificazioni varie sullo zoccolino e di conseguenza non a norma per le leggi europee (in sostanza non possono essere commercializzati ma solo utilizzati dalle aziende per il trasporto e vengono successivamente smaltiti).

In generale, questo è il metodo più efficace e duraturo nel tempo che permette a noi spancalatori di avere molto materiale prezioso da poter riciclare, ma soprattutto da usare per dar vita alle nostre idee e alle nostre creazioni!

All’inizio sarà un po’ straziante trovare il pallet “giusto”, quello bello, quello che appena lo vedi ti trasmette subito la creatività e la voglia di spancalarlo e farlo rinascere con un progetto tutto tuo… Prima ti aspetta un’infinità di pallet cosiddetti (da me) “segalitici”!

Per intendersi i pallet che vengono usati esclusivamente per carichi leggeri, hanno tavole da max 1.4cm di spessore grezzo, quindi una volta che andremo a lavorarlo non ci rimarrà più di tanto spessore! Ma non preoccuparti… all’inizio andranno benissimo anche questi!

Nel tempo, con perseveranza e il buon spirito dello spancalatore, arriverà anche il momento per i pallet “belli” e sarà amore a prima vista proprio come è successo a me. Provare per credere!

In ogni caso, quando recuperi un pallet, accertati SEMPRE di cosa c’è stato caricato sopra! È importantissimo capire se può essere stato a contatto diretto con materiali tossici e/o nocivi ed in questo caso è meglio scartarlo in partenza… Se vedi la sigla MB, bromuro di metile, il pallet è stato trattato con una sostanza nociva quindi non utilizzarlo. La salute caro amico spancalatore è sempre la prima cosa, non scordarlo mai!

Meglio affidarsi a pallet di provenienza certa e, per uno scrupolo in più, una bella lavata con acqua e sapone o altri detergenti disinfettanti, male non fa sicuramente… né al pallet ma soprattutto a noi stessi!!!

Bene spancalatore, ora che ti ho dato qualche dritta per recuperare un pallet, è arrivato il momento di passare all’atto pratico quindi ora più che mai… Op Op Op ANDIAMO A SPANCALARE!!!

Se vuoi vedere i miei progetti con i pallet, iscriviti al mio canale YouTube Il Pancalaio Matto

Alla prossima!

pancalaio matto lavorare pallet legno

 

Tag dell’articolo
Altro da Il Pancalaio Matto

Pallet: dove trovarli e come lavorarli

Sei un appassionato di riciclo creativo? Scopri come cercare la materia prima...
Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.